l canone di affitto da diritto alla detrazione

26 Maggio 2016 14:03
 l canone di affitto da diritto alla detrazione

Vivere in una casa non di proprietà, ma per la quale paghiamo un canone mensile di affitto, fa scattare la detrazione per gli inquilini, e' quanto ci ha raccontato Riccardo Bich consulente immobiliare di Ivrea Affitti ( del gruppo Epocasa) infatti per il 2016, chi ha stipulato un nuovo contratto di fitto a canone libero ha diritto ad una detrazione tra 150 e 300 euro a seconda che il reddito sia minore o maggiore di € 15.493,71 e sia entro il tetto massimo di € 30.987,41. Detrazione, ci conferma Riccardo, ancora maggiore per chi stipula un contratto di affitto a canone concordato, cioè tra i 247,90 e 495,80 euro. Bisogna però sapere che un contratto di affitto a canone concordato, cioè stipulato secondo accordi tra associazioni di proprietari di case affittate e organizzazioni di inquilini, non può essere fatto in ogni paese d’Italia, ma solo nelle città capoluogo di provincia, ad alta densità abitativa e zone limitrofe alle 11 grandi città Italiane come da elenco del Cipe.

Ivrea e' tra le citta' che possono beneficiare di questo regime fiscale nel nostro ufficio di via Jervis 64 ad Ivrea abbiamo gia' compilato diversi contratti di questo tipo.

Per il 2016 ai giovani fino a 30 anni che vivono in affitto e che stipulano un contratto con soggetti diversi dai propri genitori la detrazione sale, per i primi tre anni di contratto a 991,60 entro il limite di reddito di € 15.493,71. La detrazione si riduce della metà se il reddito supera questa soglia e rientra nel limite massimo di € 30.987,41. Lo stesso vale anche per coloro che spostano la loro residenza per motivi di lavoro ad oltre 100 chilometri da casa. Per coloro che invece, hanno figli a carico iscritti alle Università, se la sede di studio supera i 100 Km dal comune di residenza, l’affitto pagato per dare un tetto ai figli durante il periodo di laurea da diritto, ad una detrazione di 500,27 euro. L’ultima categoria di soggetti che pagano un affitto per la propria casa è quella degli inquilini delle case popolari, quelle di Edilizia Pubblica Residenziale. Per questi, il 2016 è l’ultimo anno dei tre previsti in cui si può sfruttare una detrazione tra le 450 e 900 euro sempre rientrando tra gli scaglioni di reddito prima citati.  

Fonte: rivista specializzata Casa Amica

 l canone di affitto da diritto alla detrazione